martedì 20 marzo 2012

Tango de Buenos Aires

Il 18.III.12
Tango de Buenos Aires
Teatro delle Arti, Salerno

Roberto Herrera, insieme alla Compagñia che da lui prende il nome, approda col suo spettacolo a Salerno. Chi assiste è trasportato per un’ora e mezza nell’atmosfera che si respirava nelle antiche milonghe argentine impregnate della sensualità tipica del tango. Il coreografo, accompagnato dalla talentuosa e avvenente Lorena Goldestein e da altre cinque coppie di ballerini, incanta lo spettatore, lo trascina nel vortice della danza, mantiene vivo l’interesse per tutta la durata dell’esibizione. I corpi si muovono all’unisono, l’intreccio delle gambe è continuo e inarrestabile, ogni coreografia dà vita ad un crescendo di emozioni che aumenta a dismisura. L’evento si articola in due tempi: nel primo la Compañia fa rivivere la Buenos Aires di una volta dove era consuetudine assistere alle rappresentazioni dei tanghéri; il tutto è accompagnato superbamente dal noto Decarisìmo Quinteto composto da pianoforte, contrabbasso, bandoneon e violino magistralmente coordinati dal Maestro Ariel Rodriguez; il secondo tempo è il più coinvolgente, il più completo, l’autentico folclore argentino diventa protagonista; si inizia con Herrera e con la sua compagna che volteggiano sulle note di Tu vuò fa’ l’americano con un finale davvero insolito: è la donna a sorreggere il suo cavaliere. Ma non c’è spazio soltanto per il tango, subito dopo il flamenco e il paso doble catturano l’attenzione con gli uomini che, riunitisi a semicerchio, fanno sfoggio della loro abilità di percussionisti. Tutto ruota intorno al fulcro costituito da Roberto Herrera che, nuovamente, non delude con un assolo degno di un acrobata che ipnotizza il suo pubblico. Altro pezzo indiscutibilmente famoso, perfetta colonna sonora dell’ennesima coreografia, è Libertango di Astor Piazzolla.
Vi è anche spazio per momenti ludici come quello in cui Herrera, avvinghiato ad un altro ballerino, piroetta sul palco e si lascia andare a pose allusive e a movimenti degni di una danzatrice di consumata esperienza.
Con la struggente atmosfera creata da Don’t cry for me Argentina si ritorna al tango, quasi con l’intento di sottolineare che la vera anima dello spettacolo è costituita dal ballo argentino: le tre coppie che incorniciano i protagonisti riprendono a far faville, sono instancabili, si librano nell’aria simili a creature capaci di vincere la forza di gravità.
Il finale è il più travolgente, lo spettacolo si chiude con La Cumparsita, simbolo per eccellenza del tango argentino: decisamente appropriato un tale tributo da parte di un maestro del calibro di Herrera che, certamente, fa sognare il suo pubblico appassionato.
Un gradito omaggio viene concesso agli astanti: i ballerini raggiungono pochi fortunati invitandoli a danzare con loro; è proprio il caso di dirlo: “Asì se baila el tango!”.
francesca salvato

Ballerini:
Lorena Goldestein – Roberto Herrera
Maria Lujan Jimenez – Estanislao Herrera
Silvana Nunez – Ivan Leonardo Romero
Yesica Esquivel – Ariel Leguizamon
Alina Kumelen Fernandez – Matias Jaime
Mariela Cerrezuela – Ariel Perez
Musicisti:
Ariel Rodriguez – pianoforte
Nicolas Enrich – bandoneon
Emiliano Bellitto – contrabbasso
Amedeo Ariel Espina - violino


Teatro delle Arti, via Pio XI n. 45, 84100 Salerno
Costo del biglietto: 25,00 € intero, 15,00 € per le scuole di danza.

LA CENA DEI CRETINI

27 marzo - 8 aprile 2012
a. Artisti Associati
presentano

Zuzzurro & Gaspare
in
LA CENA DEI CRETINI
di Fancis Veber
traduzione Filippo Ottoni

PERSONAGGI/INTERPRETI (in ordine di apparizione)
PIERRE: il padrone di casa - NINO FORMICOLA
CHRISTINE: sua moglie - ALESSANDRA SCHIAVONI
FRANCOIS: il cretino ­­- ANDREA BRAMBILLA
LEBLANC: amico di Pierre - DARIO BIANCONE
MARLENE: spasimante di Pierre - ALESSANDRA SCHIAVONI
CHEVAL: impiegato all’Ufficio Imposte - GIANFRANCO CANDIA

scene e costumi Pamela Aicardi
luci Iuraj Saleri

regia
Andrea Brambilla


Scritta dal francese Francis Veber negli anni Novanta, La cena dei cretini è una delle commedie più famose al mondo, diventata un cult dopo esser approdata al grande schermo nel 1998 per la regia dello stesso Veber (e recentemente ripresa nella versione americana con il titolo A cena con un cretino, regia di Jay Roach).

La trama è semplice ma di grande impatto comico, come si addice alle migliori commedie. Ogni mercoledì sera un gruppo di amici, ricchi e annoiati, organizza per tradizione la cosiddetta "cena dei cretini", alla quale i partecipanti devono portare un personaggio creduto stupido e riderne sadicamente per tutta la serata. Ma non sempre le cose vanno come ci si aspetta.
Una sera il “cretino” di turno riesce, infatti, a ribaltare la situazione passando, per così dire, da vittima a carnefice; creando una serie di problemi al suo potenziale anfitrione arriva quasi a mettergli in crisi il matrimonio, in un crescendo di errori, gag e malintesi veramente divertenti.

La cena dei cretini è un’esilarante commedia che coinvolge il pubblico in un turbinio di risate, di fronte alle paradossali situazioni che i protagonisti sono costretti a vivere, loro malgrado. La forza di questa commedia sta proprio nella semplicità e genuinità della risata che provoca, nella mancanza assoluta di volgarità e in quella punta di moralismo che non guasta. Si ride e si riflette senza accorgersene.


SALA UMBERTO di Roma
Via della Mercede, 50
06.69925819/ 06.6794753
Prezzi: da € 32 a € 23
Orari: dal martedì al sabato ore 21, 2° mercoledì ore 17, sabato ore 17 e 21, domenica ore 17,30

Notte Broadway















CASA DEL JAZZ

mercoledi 21 marzo ore 21 (sala concerti)
L’Associazione CWM
presenta
Notte Broadway
Recital Concert per orchestra jazz, attori e dancers
Con il sostegno dell’ Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale
Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Mercoledi 21 marzo alla Casa del Jazz, grazie al sostegno di Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico,l’Associazione CWM porterà in scena , “Notte Broadway – Recital Concert” per orchestra jazz, attori e dancers.
Un viaggio che porta gli spettatori ad immergersi nelle più suggestive, emozionanti colonne sonore che hanno fatto la storia del Musical mondiale.
Con la partecipazione di cantanti, musicisti, attori e ballerini, Notte Broadway è uno spettacolo che alterna momenti di allegria e “buffoneria” tipici dei musical, a momenti più introspettivi, classici di alcuni personaggi di Broadway.Ideatore dello spettacolo è Niccolò Petitto, giovane produttore che si sta affermando sempre più nel panorama teatrale italiano.
La regia teatrale è affidata ad Enrico Petronio, proveniente dal Piccolo Teatro di Milano.A partecipare allo spettacolo saranno alcuni dei nomi più affermati del Musical italiano:Sabrina De Siena (Notre Dame De Paris, Dracula, Il Conte di Montecristo), Damiano Borgi (Giulietta e Romeo di Riccardo Cocciante), Alberto Guarrasi.La Cwm Orchestra, formata da 5 musicisti jazzisti, guidati dal M° Primiano Di Biase, al pianoforte.Le coreografie ideate da Roberta Pitrone e Massimiliano Petrangeli.Un cast di 20 artisti vi aspetta per sognare e…..viaggiare assieme!

Casa del Jazz
viale di Porta Ardeatina, 55
Info: 06/704731
Ingresso libero fino a esaurimento posti


100+1. Cento film e un paese, l’Italia

CINEMA&STORIA
100+1. Cento film e un paese, l’Italia

Incontro/evento sul film
“Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto”

ne parlano Fabrizio Gifuni e Andrea Purgatori

20 marzo 2012 – ore 9.30
(Cinema Quattro Fontane, via delle Quattro Fontane - Roma)


Dopo l’incontro del 20 ottobre scorso con l’attrice Paola Cortellesi sul film Bellissima di Luchino Visconti, l’appuntamento “extra” del 14 dicembre dedicato a La battaglia di Algeri del grande regista Gillo Pontecorvo e l’evento del 21 febbraio sul tema della “Commedia” con gli attori Pierfrancesco Favino e Francesca Reggiani, “Cinema&Storia/100 + 1. Cento film e un paese, l'Italia” – l’iniziativa promossa dalla Provincia di Roma nell’ambito del Progetto ABC Arte Bellezza Cultura, con le Giornate degli Autori, Cinecittà Luce e il sostegno della Direzione Cinema del MiBac – torna tra gli studenti degli istituti superiori di Roma e provincia per un altro evento d’eccezione dedicato al film “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto” del regista Elio Petri (1970), con un dialogo tra l’attore Fabrizio Gifuni e il giornalista e sceneggiatore Andrea Purgatori.

Scritto dal regista con Ugo Pirro, interpretato da un Gian Maria Volonté all’apice della propria arte, Indagine vinse il premio Oscar come miglior film straniero e con il suo impianto grottesco, tra Brecht e Kafka, è considerato uno dei momenti più alti del cinema “politico” italiano di quella stagione. Sottratto al clima di quegli anni, si impone come un affresco, o un “lamento”, sulla deformazione morale e mentale cui conduce l’esercizio del potere quando è privo di controlli. A livello filosofico può essere considerato anche come la contemplazione della miserabile condizione dell’uomo, servo di un Principio superiore, del mito della Legge e dell’Ordine, al quale sacrifica la propria libertà e quella altrui.

Saranno presenti per la Provincia di Roma il Presidente Nicola Zingaretti e l’Assessore alle Politiche della scuola Paola Rita Stella, per le Giornate degli Autori l’ideatore e curatore del Progetto “100+1. Cento film e un paese, l’Italia” Fabio Ferzetti e il Delegato generale Giorgio Gosetti, per Cinecittà Luce il Presidente Roberto Cicutto e l’Amministratore delegato Luciano Sovena.

Anche la terza edizione di “Cinema&Storia” 2011-2012 è rivolta agli studenti delle scuole superiori di Roma e provincia, con lo specifico intento di favorire la conoscenza della storia del nostro Novecento attraverso il Grande Cinema Italiano.

Sull’onda di un lusinghiero successo di pubblico e di critica e soprattutto a grande richiesta degli studenti e, in particolare, degli insegnanti, “Cinema&Storia” giunge così alla Terza edizione anche grazie al sostegno dello stesso Presidente Nicola Zingaretti, che ha voluto con molta determinazione la promozione e la realizzazione di questa specifica iniziativa. Che in questa Terza edizione coinvolge complessivamente 50 scuole di Roma e provincia, per un totale di 90 classi, 90 docenti e 2.000 studenti.

L’elenco dei sei film che verranno visti, discussi e analizzati in classe dai ragazzi durante l’anno scolastico 2011-2012 comprende: Ladri di biciclette di Vittorio De Sica (1948); Prima comunione di Alessandro Blasetti (1950); Bellissima di Luchino Visconti (1951); Arrangiatevi! di Mauro Bolognini (1959); L’eclisse di Michelangelo Antonioni (1962) e Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto di Elio Petri (1970).
I sei film sono ora raccolti in un cofanetto grazie al contributo di Cinecittà Luce, Surf Film e CG Home Video, Lucky Red, Medusa Home Video, San Paolo Cinematografica e quindi distribuiti nelle scuole che hanno aderito al Progetto.

Per la terza edizione di “Cinema&Storia” è anche prevista - in aggiunta al cofanetto - la distribuzione alle scuole di una serie di film “Extra”, che vanno così ad incrementare sia la conoscenza cinematografica dei ragazzi sia la library dei Dvd a disposizione degli istituti.
Per la serie “Extra”, i titoli fino ad ora individuati sono La macchina ammazzacattivi di Roberto Rossellini (Cinecittà Luce) e Noi credevamo di Mario Martone (Rai Cinema/01 Distribution)


(gli eventi sono riservati alle scuole che hanno aderito al Progetto Cinema&Storia 2011-2012)